Dhal e naan... in punta di piedi



In Italia avremmo detto semplicemente "puré di lenticchie speziato con piadina", perché ai nostri occhi europei è di questo che si tratta. Ma lo spunto è scattato leggendo una ricetta da LEI  , Cuochetta in punta di piedi, che trovo molto brava e creativa nella cucina macrobiotica; mi ha fatto ricordare di un vecchio libro di cucina vegetariana, Il Cucchiaio verde, quasi abbandonato in un angolo tra i "food-libri" della libreria. E' molto ben fatto e propone ricette vegetariane usando però ingredienti tipicamente macrobiotici, nonché molto presenti nella cucina orientale. Così ho confrontato la ricetta di Valina con un paio d'altre scovate nel libro e questo è il risultato. Potrebbe essere un dip un po' particolare, ma volendola rendere più liquida con poco brodo vegetale si trasforma in un'ottima vellutata con dei crostini di pane raffermo passato al grill.
Per accompagnarla con spirito etnico, dal libro Pane da tutto il mondo della Fabbri Editori, una ricetta per dei naan indiani, assimilabili alle nostre piadine, ma con quel qualcosa di più caratteristico che valorizza i gusti forti. Per chi li ama, un piatto del genere una volta ogni tanto è un diversivo davvero piacevole.



Dhal di lenticchie
150 gr. di lenticchie
3 pomodori
2 carote
1 lattina di latte di cocco
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino di dado vegetale
1/2 cucchiaino curcuma
1/4 cucchiaino cumino
1/2 pollice zenzero fresco tritato
olio extravergine, sale a piacere

Appassire leggermente l'aglio in poco olio extravergine, aggiungere le spezie e tostare lievemente il tutto. Procedere aggiungendo carote e pomodoro tritati grossolanamente, coprire con latte di cocco e dado vegetale e portare a cottura. A parte, cuocere le lenticchie in acqua. Scolarle ed aggiungerle all'altra pentola, continuando la cottura per alcuni minuti. Infine passare con il frullatore ad immersione, eventualmente allungando con acqua o brodo a piacere. Aggiustare di sale.

Naan
250 gr. farina bianca
2 cucchiai yogurt bianco
pari a circa 70 gr.
1 cucchiaino sale
100 gr. acqua tiepida
4,5 gr. cremor tartaro
4,5 gr. bicarbonato
(io 8 gr. di lievito per torte salate)

Miscelare la farina col sale, cremor tartaro e bicarbonato, aggiungere lo yogurt e l'acqua ed impastare fino ad ottenere una pasta liscia. Tagliarla in 10 parti, appiattirle una per una col mattarello e - a piacere- su ognuna spolverare un po' di pepe. Per  cuocerle va benissimo una pentola antiaderente, un minuto o due per lato. Servire caldissimi.

14 commenti

  1. mi piace tantissimo, l'ho provato spesso in ristoranti indiani in giro e poi un'amico che ha vissuto in India ne vaceva uno stupendo, come il tuo!
    brava Cinzia!

    RispondiElimina
  2. molto interessante Cinzia!Ho ancora tante lenticchie e potrei provarci...un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ecco, vedi dove vanno a finire le lenticchie?In queste cose buone e molto particolari.
    Complimenti, è la prima ricettina strana che vedo in questo 2011,e mi ha acchiappato!
    Un sorriso e Buon Anno :-)
    Simo

    RispondiElimina
  4. Se non fosse per il latte di cocco che mi crea qualche problema, questo purè di lenticchie lo farei all'istante! Però potrei provarlo con del latte normale. Mi ispira da matti e abbinato a questo pane che adoro ancora di più. Baci, auguroni di buon anno

    P.S. mi chiedevi del pesto di rucola. Lo faccio semplicemente con rucola, mandorle e/O anacardi (non salati), parmigiano (non molto), olio evo e niente aglio

    RispondiElimina
  5. La foto pur perfetta non rende giustizia alla bontà del dhal che con i profumi delle spezie indiane acquista un fascino tutto suo.
    Certa che tu lo hai saputo rendere.
    Naan o chapati io li adoro entrambi e brava nel riportarmeli agli occhi!

    RispondiElimina
  6. Queste sono le ricette che preferisco di pù in assoluto!!! Quante volte sono stata tentata a comprare quel libro, e mi sa che devo rimediare!!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. wow! adoro questo tipo di rcette. e guarda caso, giusto 2 settimane fa ho comperato una lattina di latte di cocco pensando :"mi può sempre servire". ora è lì che giace in dispensa ma ancora per poco...
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Devo farla...me lo riprometto sempre :-( Che bello il tuo blogghettino!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. una ricetta interessante quella delle lenticchie cotte in questo modo, purtroppo non trovo facilemente il latte di cocco, devo procurarmelo tramite mio fratello e non è molto facile. Speriamo di riuscirci. Ciao

    RispondiElimina
  10. che ricette particolari e interessanti, molto molto belle. Mi piacerebbe provarle :) sono in vena di novità ;)
    Un abbraccio e un bacio. Buonanotte.

    RispondiElimina
  11. Bella questa ricetta, la proverò, mi stuzzica molto, bravissima!!! Bacioni!

    RispondiElimina
  12. Piatto perfetto post-Natale...te lo rubo molto volentieri!

    RispondiElimina
  13. Ottima ricetta, davvero interessante. Poi mi piace la cucina indiana, sempre molto speziata.Lo trovo un abbinamento indovinatissimo, così a istinto.

    RispondiElimina

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig