Pane con lievito istantaneo, fatto in casa


Pane con lievito istantaneo, fatto in casa. O anche pane senza lievito di birra. Velocissimo e  furbissimo. In altre culture chiamato anche Soda Bread

Questo è un pane che potrete fare ogni volta che vi accorgete di essere rimasti senza il pane classico (e guardacaso anche in  freezer non ce n'è più, e per giunta è domenica, siete in pantofole e non avete la più pallida voglia di vestirvi per andare al supermercato). Ecco. L'ho detto. A me capita tante volte, così! E vi assicuro che arrivare a tavola col cestino vuoto provoca quasi un senso di colpa... 

Quindi che fare?

Semplice. Basta tenere in dispensa della farina 0 oppure 00 e qualche bustina di lievito istantaneo per torte salate, di quelle che si trovano al super sugli scaffali vicino al lievito vanigliato per torte.

Questo lievito funziona in pratica come il bicarbonato che nei paesi anglosassoni si usa per preparare il Soda Bread: basta miscelarlo alla farina mentre si impasta, impastare velocemente e, ATTENZIONE, NON LASCIARE RIPOSARE L'IMPASTO PER LA LIEVITAZIONE.

Anzi, sulle confezioni potreste trovare l'indicazione di aggiungere il lievito per ultimo in modo da non vanificarne l'efficacia durante il tempo dell'impasto. Io, che uso il Bimby anche per impastare il pane non mi sono posta la questione, perché in tutto servono circa 3 minuti. Ma potrete anche impastare a mano partendo da zero, e aggiungere la polvere lievitante dopo uno o due minuti. Impastare a mano ha anche un potere terapeutico, quindi cosa chiedere di più a un buon pane fatto in casa?

Qui sotto trovate la ricetta e le dosi, ma prima aggiungo qualche consiglio per ottenere un pane buono, genuino e morbido:

1-scegliete sempre, per il vostro pane fatto in casa, farine di qualità. Non rinunciate a spendere qualcosa in più per avere in casa un assortimento di farine di grani antichi, integrali, 00, 0, 1, 2, biologiche... e chi più ne trova ne prenda. Il vostro pane fatto in casa, seppure questa volta anche con lievito istantaneo, si distinguerà. E mai, nemmeno con ospiti a cena, avrete l'impressione di offrire un ripiego.

2-non serve la lievitazione, ma il tempo di cottura è pari al tempo normalmente richiesto per una pagnotta di circa 800 g.: ovvero circa 35/40 min.

3-il pane che otterrete con il lievito istantaneo non avrà l'alveolatura interna dei grandi pani pugliesi che trovate da un bravo fornaio... è giusto così, il principio della lievitazione di questo pane non è lo stesso che conosciamo per il lievito di birra o il lievito madre. Ma sarà ugualmente molto piacevole.

Dosi per una pagnotta di circa 800g

tempo di preparazione 5 min + il tempo di cottura

500 g farina 00 mista a farina 0 oppure farina 1

320 g acqua tiepida

1 cucchiaio raso di sale fino

1 cucchiaio raso di zucchero

Impastate tutti gli ingredienti in una planetaria, o nel Bimby oppure in una capiente ciotola. Siate rapidi senza troppo dilungarvi, anche se comunque qualche piega all'impasto finale darà più elasticità al vostro pane. Potete vedere QUI qualche foto.

Io come vedete dalle fotografie, ho creato la forma più semplice per una pagnotta: un filone di circa 30 cm che, in cottura si è trasformato in questo rusticissimo pagnottone. Nel mix di farine utilizzate ho usato circa la metà di farina tipo 1, semintegrale. E non ho aggiunto olio. Voi date la forma che più vi aggrada. Potreste anche ottenere quattro pani più piccoli, per esempio, invece di uno grande. 

Ho disposto il filone su una teglia foderata con cartaforno e con le mani bagnate l'ho passato per bene, per dare un po' di umidità in superficie. L'ho spolverato bene, quindi ho praticato qualche taglio sulla superficie per decorarlo, e ho subito infornato in forno caldo a 180° statico.

Ho lasciato cuocere circa 35- 38 minuti, il tempo giusto di vedere la superficie cambiare colore. Appena tolto dal forno, l'ho avvolto in un asciugamani pulito e l'ho lasciato riposare così per dieci minuti. E poi via in tavola! Buon appetito.

Note: questo pane non si presta troppo per essere conservato più giorni. Può durare fino al giorno dopo se lo tenete in una scatola di latta chiusa, oppure in un sacchetto di plastica ben chiuso. Se lo lasciate nel sacchetto di carta, domani troverete un sasso... :-(

Nessun commento

Posta un commento

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig