Insalata di riso selvaggio con gamberi marinati e polpa di granchio



Lo abbiamo desiderato, ambito, richiesto a gran voce per mesi... ed ecco finalmente arrivato IL CALDO!
E si, io dico, da qualche altra parte del mondo esiste la danza della pioggia, invece dalle nostre parti sta a vedere che dovremo inventarci la preghiera del Sole... perché non è mica normale che in Lombardia si siano accesi i termosifoni la prima settimana di giugnooo!
Quindi, signori miei, il primo che si lamenta di questi (bellissimi) 35° di ieri, lo prendo e lo stendo (al sole, appunto!).
Per stare bene, cerco di fare anche il pieno di colori e di sapori in tavola, 'ché con queste temperature il nostro corpo combatte egregiamente la calura compensando la dispersione dei sali minerali, sopratutto attraverso il consumo di verdure in grandi quantità. E nel periodo delle verdure dell'orto, mi piace molto prepararle con dei cereali, anche inusuali e servirle con verdurapesce.

Il piatto di stasera, proprio questo che vedete in foto, mi ha fruttato un commento, da parte di mio figlio il grande, che penso proprio ricorderò a vita. "Mamma, credo che questo sia il miglior riso che tu abbia fatto finora...". Perfino il piccolo se lo è spazzolato fino all'ultimo chicco.
Credo sia stato un poco merito anche della varietà che ho usato, il riso Chicchi Selvaggi di Curtiriso, un mix tra la varietà basmati ed il riso integrale a chicco lungo. Non è la prima volta che lo cucino, ma ne ho un ricordo lontanissimo e vago, quindi quando ho ricevuto il pacco dall'azienda per partecipare al contest in collaborazione con La Cucina Italiana, sono rimasta piacevolmente sorpresa nel trovarne una confezione. C'era anche il riso rosso, Chicchi vivaci, che avevo già impiegato con grande soddisfazione per la taieddhra dell'MTC.
Per questo piatto vi consiglio vivamente di provare Chicchi Selvaggi, perché lo contraddistingue un profumo molto aromatico ed avvolgente, e la nota che dà al piatto è particolarissima.





Insalata di riso selvaggio
con polpa di granchio e gamberi marinati
dosi per 6 persone
200 gr. riso selvaggio CURTIRISO
10 pomodori ciliegia
15 mazzancolle
1 confezione di polpa di granchio (circa 120 gr.)
1 piccolo mazzetto basilico
1 fetta biscottata, oppure 1 cucchiaio pangrattato
1 limone biologico
olio, aglio, sale, peperoncino
 
Lessate il riso in acqua bollente e salata, tenendolo un poco al dente.
Scolatelo, passatelo sotto un getto d'acqua fredda e tenetelo da parte, in frigo. Potete anche prepararlo con un certo anticipo.
Sgusciate e pulite le mazzancolle dal loro filetto, quindi spadellatele con un filo d'olio.
Pulite il basilico e spezzettatelo nel mixer insieme alla fetta biscottata, un cucchiaino di zeste di limone (la parte gialla) ed una puntina di peperoncino in polvere. Dosatelo attentamente, perché una punta piccante può rendere questo piatto davvero sorpendente, ma dev'essere proprio solo un piccolo tocco. Passate al mixer riducendo il tutto in polvere.
Quindi versate il succo del limone ed olio in quantità suffuciente a potervi poi marinare le mazzancolle. Se vi piace, potete anche aggiungere dell'aglio, pochissimo, giusto una piccola punta di spicchio grattugiata.
Trasferite in un'ampia ciotola sia la marinata che i gamberi, lasciate riposare al fresco per un paio d'ore.
Poco prima di servire, preparate i pomodorini tagliati a dadolini ed uniteli, insieme al riso ed alla polpa  di granchio ben sgocciolata, nella ciotola con i gamberi, che io qui ho tagliato a tocchetti.
Regolate di sale, completate con un giro d'olio buono e qualche fogliolina di basilico.
Questa ricetta è per il Contest Chicchi di gusto di Curtiriso con La Cucina Italiana

 
Note:
-Questa ricetta è una semplice rivisitazione di quest'altra, che utilizzava del riso venere invece che la variante "selvaggio". Sono solo state leggermente marinate le mazzancolle ed aggiunta una salsina di basilico.
-Le sei dosi qui esposte sono di circa 100 gr. complessivi. Sappiatevi quindi regolare se volete piatti più abbondanti.
 

14 commenti

  1. Ahahahahaahh hai ragione, leggevo che in Italia c'era un freddo innaturale per il periodo e tutti a invocare l'arrivo del caldo...ed ora tutti a lamentarsene ...non si è mai contenti :-D
    Questa insalata di riso selvaggio è molto fresca e saporita, bella idea!

    RispondiElimina
  2. Molto bella la tua insalata, assomoglia molto alla mia ricetta che ho postato il giorno 20 : http://danieladiocleziano.blogspot.it/2013/06/insalata-di-riso-selvaggio-con-granchio.html.

    RispondiElimina
  3. Quel tipo di riso io lo adoro, e da il suo meglio proprio in preparazioni come la tua, che mi piace tantissimo :) anche qui e' arrivato il caldo, ed e' ferocissimo... Alla faccia di chi parlava di un anno senza estate... Buona giornata ! :)

    RispondiElimina
  4. magari ci fossero 35 gradi...qui in Liguria ci vuole ancora il maglioncino...
    peró posso consolarmi con quest'insalata di riso che sembra delizioso!
    un abbraccio,
    Aniko

    RispondiElimina
  5. Buonissima questa insalata!!! Bellissima idea!

    RispondiElimina
  6. Sento il profumo delicato del pesce e del riso, lo uso spesso anche io! Condire oggi insalate diventa divertente come fare lasagne d'inverno, ehehe! :-)

    RispondiElimina
  7. L'idea di questa ricetta è stata creata, ideata e provata dalla sottoscritta e pubblicata nel mio blog in data 20-06 : http://danieladiocleziano.blogspot.it/2013/06/insalata-di-riso-selvaggio-con-granchio.html ; l'autrice di questo blog " Cinzia " l'ha solo copiata malamente e pubblicato sul suo blog in data 22-06 senza citarmi come fonte, e senza curarsi della legge dei diritti d'autore , della sua reputazione on line , e del codice etico e morale che ogni blogger deve seguire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, mi dispiace leggere quello che hai scritto, perché in due anni e mezzo di blog ho sempre citato fonti, se ne avevo, mentre se mi capitava di usare un'idea o uno spunto visto altrove senza averne annotato i riferimenti, altrettanto o sempre segnalato che non si trattava di farina del mio sacco. In questo caso in particolare, avevo pubblicato praticamente la stessa ricetta per un contest lo scorso anno,
      http://essenzaincucina.blogspot.it/2012/06/istria-un-capolavoro-in-blu.html
      e senza nemmeno troppa fantasia, quest'anno ho aggiunto solo la salsa di basilico..
      Nel mio blog scrivo che non credo nel copyright perché sento che la cucina appartiene ad una tradizione culturale troppo profonda ed ampia del nostro "essere italiani" per farne una questione di proprietà delle idee, degli abbinamenti di ingredienti e gusti...

      Elimina
  8. Ciao Cinzia la ricetta dello scorso anno è totalmente diversa da quella in questione , la combinazione di colore e il sapore sono diversi. Io fino a questo episodio ho sempre creduto che tu fossi una brava blogger , ma da questo episodio ho cambiato idea. E poi ci sono anche altre cose da chiarire, dici di aver usato del granchio in scatola, ma dalla foto non se vede nemmeno l’ombra. Il granchio fresco una volta cotto è di un colore arancione acceso, da un granchio di 520 gr. di polpa non se ne ricava molta, però è molto saporita. Il granchio in scatola è di un colore arancione tenue ed è pressato, una volta aperta la scatola ne esce una grande quantità. Allora dici di aver usato 200 gr. di riso selvaggio ( pochini per 6 persone visto che durante la cottura cresce poco ) e 120 gr. di polpa granchio, però non si nota nella foto, anzi proprio non si vede; dici poi di aver usato 12 mazzancolle ( fresche , surgelate , essiccate boh ..,a me quell’unico pezzettino che vedo sembra gambero ) e di queste se ne nota solo un pezzettino, si nota solo il pomodoro che certamente non è pomodoro ciliegino perché lo spessore dei cubetti è troppo elevato, probabilmente si tratta di pomodori a grappolo. Fra le foto e tua ricetta ci sono troppe discordanze. E poi il contest scadeva la mezzanotte del 21 e tu la ricetta l’hai inviata esattamente un giorno dopo la mia ; ripeto nuovamente lascio ai lettori che leggeranno le due ricette l’ardua sentenza.
    Concludendo da quello che vedo dalla foto la tua ricetta avrebbe dovuto chiamarsi : Insalata di riso selvaggio con pomodoro e gambero solitario. Ricorda Cinzia le foto sono un’arma a doppio taglio.

    Dici inoltre che non credo nel copyright perché senti che la cucina appartiene ad una tradizione culturale troppo profonda ed ampia del nostro "essere italiani" per farne una questione di proprietà delle idee, degli abbinamenti di ingredienti e gusti: la tua frase può andare bene per quanto riguarda le ricette delle tradizione, ma non per la ricetta in questione, che è certamente di origine orientale con alcune mie note personali. Vedo che hai tolto dal tuo blog la frase incriminata : “Non credo nel Copyright. Le idee galleggiano nel mondo "sopra di noi"... Bravo a chi le acchiappa, asino a chi copia.” E meno male! Questa frase è offensiva per tutto il mondo del lavoro, e poi per copiare bisogna saperlo fare con classe , dai uno sforzo potevi cambiare almeno il titolo!
    Bloggers che conta dedizione vi dedicate al vostro blog , create ideate e tastate nuove ricette , state attente c’è qualcuno sopra di voi che cattura al volo le vostre idee, siete avvisate!

    RispondiElimina
  9. Il riso selvaggio mi piace moltissimo. Ultimamente prediligo la pasta al riso in generale...
    ottima questa ricetta!

    RispondiElimina
  10. Favoloso, ha un aspetto davvero invitante, fresco leggero e molto gustoso. Complimenti

    RispondiElimina
  11. Care lettrici, Vi ringrazio sempre, e di cuore, per i vostri commenti... mi fanno crescere.
    Un abbraccio a tutte!

    RispondiElimina
  12. Ciao cinzia!! ma che buono!! molto sfizioso

    RispondiElimina

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig