...Chiacchieriamo?

 

Non c'è nulla di nuovo, in realtà solo la voglia di condividere un po' questo momento strano che mi sto lasciando vivere addosso.
Si tratta, credo soprattutto del fatto che ho trasformato, da alcuni mesi il mio lavoro da full time a part-time. Complice, o necessità, il fatto che il mio piccolo ha iniziato la scuola elementare e, per poter continuare a lavorare avrei dovuto trovare qualcuno che si occupasse di lui e dei suoi compiti, per qualche pomeriggio della settimana, dato che da noi si fa un solo rientro pomeridiano settimanale.
Lo stesso era già stato fatto a suo tempo per il grande. Non dimenichiamo che mancando da casa tutto il giorno, sabato incluso, serve pure un piccolo aiuto per le pulizie, se non vogliamo trasformarici in batterie pronte per essere usurate e scaricate a suon di aspirapolvere, stracci e spazzoloni. Inevitabile dire che anche l'aspetto economico di queste cose va tenuto presente...
Ed eccomi qui: casalinga part-time, disperata full time!
Tralascio i dettagli, che già per conto mio mi giudico abbastanza, dico solo che non è stato per nulla semplice, soprattutto correr dietro al bambino ed alle sue maestre: compiti non scritti, o non ricordati, o non fatti, o comunque fatti a metà. E una lentezza infinita.
E le cose da fare si accumulano.
E il blog piange.
Che dire d'altro, l'ho chiamata accidia, giusto per scherzarci un po' sopra, ma credo che in realtà si tratti di qualcosa che va ben oltre: è un certo modo di lasciarsi andare, di non riuscire a vedere chi c'è dentro di me a prescindere dal mio ruolo lavorativo.. Qualcosa che davvero non mi appartiene e che finalmente, una volta visto ed osservato, piano piano se ne sta andando. Mi impegno anche a cacciarlo.
Come? Bhè, direi che i vecchi rimedi sono infallibili: mani in pasta per una ricetta vecchia come il mondo. Ma io non l'avevo mai fatta. Si, lo giuro, mai fatta!
Mi è scattata la voglia di provarci proprio una settimana fa, dopo aver visto la puntata di Masterchef in cui una concorrente, Paola, veniva eliminata sulla ricetta delle chiacchiere. Mi son detta "caspita, giocarsela sulle chiacchiere c'è proprio da mangiarsi le mani!"
Per le dosi ho deciso di "affidarmi" al ricettario bimby, che davvero non mi ha mai deluso, quindi con qualche piccolo adattamento ai gusti di famiglia eccole!

Chiacchiere
(in compagnia)
 

 
250 gr. farina 00
50 gr. burro
40 gr. zucchero (io di canna)
4 cucchiai di grappa
scorza d'arancia (abbondate pure) grattugiata
2 o 3 cucchiai di latte
1 pizzico di sale
Zucchero a velo a volontà - per guarnire
 

Mettere tutto nel mixer, io ovviamente nel mitico bimby per 20 secondi a velocità 7, fino ad ottenere
un impasto che, rovesciato sul piano di lavoro, potrete impastare per ottenere una palla. Avvolgetela con una pellicola e lasciatela riposare al fresco per almeno un'ora, sarà più facile tirarla sottile.
Col mattarello ed aiutandovi con poca farina, staccate un pezzo per volta, grande come un mandarino e tirate finissimo. Non abbiate timore, perché comunque tenderà a ritirarsi un po' e durante la cottura si gonfierà anche. Reimpastate anche i ritagli (mi raccomando, non si spreca nulla! ;))
Con l'aiuto di una rotella dentata, tagliate delle lasagnette, anche a forma romboidale e praticatevi al centro un paio di tagli.
Friggetele poche per volta in olio (io d'oliva extravergine) abbondante e profondo, caldo ma non troppo: vedrete che immediatamente si gonfieranno ed in 5 o 6 secondi avranno anche un bel colore biscottato. Giratele subito e lasciatele altri 5 o 6 secondi poi scolatele e mettetele sul un foglio di carta assorbente.

 
Prima di servirle, una spolverata di zucchero a velo, se vi va.
 
 

Note:
Devo dire che nonostante l'attenzione in cottura, non sono venute croccanti e friabili, ma un filo morbide e pure un poco spesse. Eppure, dato il consiglio dello chef Barbieri alle concorrenti della puntata, le ho tirate finissime, più ancora di come tiro la pasta dei ravioli, ma il fatto di doverle lasciare riposare mentre viavia si friggono, fa si che si ritirino un po', perdendo quella certa sottigliezza che forse fa la differenza.
Ma che dirvi, credete forse che siano durate più di due ore? Pure poco croccanti, sono state allegramente spazzolate.
Un abbraccio, grazie della chiacchierata!

34 commenti

  1. Cara Cinzia, mi dispiace molto per questo periodo un pò così, ma piano piano ti riabituerai , anche io ho il piccolo in prima elementare e il fine settimana è da incubo, lo passiamo ad imparare poesie io uralndo e lui piangendo :(
    Cresceranno... e noi con qualche capello bianco in più ci sentiremo più sollevate, ma anche più preoccupate!
    Io non ho ancora fritto e non credo che ce la farò questa volta, di solito utilizzo la ricetta della mia mamma che non prevede burro, nè latte, solo tuorli e vino bianco e un pò di lievito e vengono friabilissime!
    buon we

    RispondiElimina
  2. Finalmente tue notizie, anche se son sincera, Mari mi aggiorna sempre :-P
    Anche io oggi avevo voglia di chiacchierare, ma mi sa che le farò al forno, perchè dato che è sabato e la donna delle pulizie in casa mia sono ancora io, non ce la faccio a star dietro ad una padella con olio bollente che sfrigola.
    Sentiamoci e vediamoci presto!

    RispondiElimina
  3. @Loredana: davvero anche tu con il piccolo in prima... ma dai! Mi consoli un po'.. urlando anche tu? un abbraccio!

    @Chiara: grazie! E il tuo pancino cresce, ma riusciremo a vederci prima che lei arrivi? ;-)

    RispondiElimina
  4. Carissima Cinzia,
    Le decisioni prese per il bene della famiglia o meglio dei figli sono sempre le migliori.
    Io ora ho Sofia che va all'asilo e spesso mi chiedo come farò a seguirla quando inizierà la scuola. Ci terrei molto ad essere presente nel suo percorso di crescita così credo che dovrò anch'io fare qualche scelta o, per lo meno, vedere di riorganizzarmi il lavoro.
    Per me sei solo un esempio e spero di trovare anch'io un giusto equilibrio.
    Ma sai che nemm noi le abbiamo mai fatte? Le faremo giusto questo we magari pure col bimby:)
    Complimenti per come ti sono uscite e per le foto, come sempre.
    Quanto il blog non è tanto il tempo o la quantità ma la qualità. E qui la qualità c'è sempre.

    RispondiElimina
  5. Ciao Cinzia, bentrovata :) Capisco il momento... forza, vedrai che passerà... datti tempo ;) Non so se riuscirò a friggere per questo Carnevale, spero oggi pomeriggio ma si sono accavallati diversi impegni e chissà :( Intanto mi delizio con le tue chiacchiere invitantissime e ti abbraccio forte forte, buon weekend :**

    RispondiElimina
  6. Capisco il momento, il mio più grande fa la quinta ed è tutt'ora un impegno totalizzante occuparsi quotidianamente dei suoi compiti ( dopo aver con fatica decifrato il diario ) tra urla e minacce. Per non parlare del mio rapporto disastroso con la sua rigida maestra ..... Incomunicabilità permanente !!!!!
    Quanto alle chiacchere ( io li ho sempre chiamati galani ) ti sono venute davvero perfette. A presto

    RispondiElimina
  7. Cara Cinzia "cambiare" i propri ritmi e le proprie abitudini non è semplice..a volte c'è da impazzire e da perdere il senso. Non sono mamma, ma credo che tu abbia fatto la scelta più giusta. E' giusto riuscire a seguire i bambini da vicino, in particolare in questa fase. E poi si sa, noi donne abbiamo sempre il triplo di responsabilità su tutte le cose. E' dura, è davvero dura..si rischia di perdersi..noi donne ricordiamo tanto le leonesse..ieri sera ho visto un docu-film che mi ha portata alle lacrime..African Cats..è in programmazione su sky..se ti capita..buttaci un occhio :)
    In bocca al lupo per tutto...sei una donna davvero bella, in tutti i sensi..e ne uscirai vincente.
    Le tue chiacchiere sono deliziose. L' ultima volte che le ho preparate, forse avevo più o meno 20 anni...:)

    RispondiElimina
  8. Credo che un domani questa tua decisione ti sembrerà pienamente la migliore.
    Pian piano vedrai quante cose sembreranno più speciali e meno faticose... e tuo figlio non lo dimenticherà. Mentre tu triverai il modo di salvaguardare te stessa e i tuoi spazi.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  9. Cinzia i cambiamenti portano sempre molti dubbi!! Quando è nata la mia prima Fatina, senza battere ciglio sono passata dal full time al part-time e così ho continuato fino a quando la mia azienda, causa crisi ci ha messi tutti in CIGS... Ma trovo sia impagabile la mattina lavori e magari fai anche un lavoro che ti piace (magari) e il pomeriggio segui i figli... Con tutte le lentezze (loro) e le frenesie (nostre)... Se ti può consolare, quando le mie prime due fatine hanno fatto la prima elementare mi stava venendo l'esaurimento nervoso... ora vediamo l'ultima fra un paio d'anni come mi lascerà... Le chiacchiere sono bellissime! Scusa le mie chiacchiere un pò lunghe... un bascio!

    RispondiElimina
  10. In effetti i cambiamenti sono necessari per fare in modo che tutti i pezzi, piccoli e grandi, si incastrino bene ma...noi donne siamo abilissime nell'arte dell'orchestrare i pezzi ;)
    ottima chiacchierata!! io non le faccio mai ste chiacchiere, un po' perché non amo da impazzire il carnevale e un po' perché è un tipo di lavoro che mi piacerebbe fare a quattro mani, ma mia mamma se ne sta a 300 km di distanza :((

    baciiiiiiiiiiiiii
    Vale

    RispondiElimina
  11. M che bei comment, carissime, mi fa molto piuacere ricevere parole di sostegno, sapete? E' bello poter condividere un proprio stato d'animo, ma di più è "sentirvi" tra le righe :)

    GRAZIE!!!

    Lisa G: ecco, il figlio grande è in quinta come il tuo e... la tua scenetta la conosco alla perfezione perché IDENTICA anche qui da noi..dici che mi posso consolare?

    Un abbraccio singolo, unio per ciascuna :))

    RispondiElimina
  12. Ciao cara!!
    Sono cresciuta con una mamma sempre presente (altri tempi ovviamente) ma ne sono davvero contenta perchè c'era, perchè mi preparava la merenda e mi aiutava nei compiti ... non so proprio cosa avrei potuto fare senza di lei e tutt'ora ho dei bellissimi ricordi in merito.
    Credo dunque che tu abbia fatto la scelta migliore che certamente comporterà delle modifiche economiche ma sarà nulla al confronto di quante cose positive riuscirai a dare a tuoi figli.
    Complimenti davvero!
    E cosa dire delle tue chiacchiere? Per me sono stupendissime anche così e le avrei spazzolate molto volentieri anche io.
    Pensa che non le ho mai fatte e stò ben lontana dai fritti ... mi gusto quindi volentieri quelle fatte dagli altri! ;-)))
    Un bacioneeee

    RispondiElimina
  13. Tesoro.. è normale che ora tu ti senta confusa, sconvolta, delusa e insoddisfatta. Purtroppo ogni scelta, anche obbligata, porta cambiamenti che vanno 'interiorizzati', accettati. So che non ti senti più realizzata, in un certo senso.. ma mettila così, è stato solo per amore che hai dovuto fare una scelta. Non sarà sempre così.. e io ti auguro davvero presto di ritrovare la tua dimensione, la tua felicità e la tua energia. Ti sono vicina. Tvb! E con te.. 'chiacchiero' molto volentieri!! :) <3 TVB!

    RispondiElimina
  14. Eccole, sono molto belle anche le tue, come prima volta dieri che ce la siamo cavata alla grande ;)
    In bocca la lupo per tutto il resto.

    RispondiElimina
  15. Come ti capisco cara Cinzia! Anche io ho rinunciato al lavoro full time per accudire il mio piccolo e non è stato per niente facile! Però ti posso dire che questa sensazione passa alla svelta e presto sarai felice della scelta fatta!
    Buon Carnevale!

    RispondiElimina
  16. Momenti così capitano tutto sta prender il ritmo e armarsi di tanta pazienza, ma hai fatto bene. Bellissime le tue chiacchiere. Buona domenica
    Rosalba

    RispondiElimina
  17. ciao cinzia...mi unisco...mi unisco volentieri alle chiacchiere e a tante considerazioni!
    dopo la nascita della mia prima bimba la mia azienda mi lasciò a casa, io e mio marito desideravamo un seoncod bimbo e quindi rimasi a casa ... lo scorso anno mi misi alla ricerca di un part time, per riavere le soddisfazioni lavorative, perchp sono sempre stata un'iper attiva, una che sul posto di lavoro ci stava bene, benissimo.
    ma nn son riuscita a trovare un Pt, mi han proposto due full time...che alla fine ho rifiutato: alla fine abbiam pensato che è vero che un secondo stipendio non fa male, ANZI. ora le spese son da controllare, una cena fuori magari è meglio non farla e quelle magnifiche scarpe...amen non me le prendo!
    Però...sto con le mie figlie. L'anno prossimo la mia grande inizia le elementari e abbiamo scelto il modulo (30 ore a settimana). Perchè voglio seguirla e renderla forte e sicura, più di quanto io non sono mai riuscita a diventare.

    Io sono certa che tu abbia fatto la scelta migliore. Capisco coem ti senti...l'ho vissuto e ci sono stata anche male (lo capisco adesso che "ne sono uscita"...ti senti un po' frustrata anche perchp molte donne è come se ti leggessero come "sconfitta". Oggi che la mia è una scleta consapevole, capisco che le altre donne preferirebbero la nostra situazione...pensaci :)
    Ti abbraccio e grazie per avermi e averci dato modo di affrontare quest'argomento importante
    a presto, un abbraccio Clara

    RispondiElimina
  18. Cara Cinzia, sull'accidia che accidia non è ci siamo già confrontate in altra sede, continuiamo cercare, qualcosa accadrà.
    Per quanto riguarda le chiacchere, beh, posso dire serenamente e senza falsa modestia che la mia mamma fa le chiacchere più buone del mondo: sottili, friabili e per nulle unte anche se fritte in strutto e olio.
    La ricetta è sul mio blog
    Bacioni
    PS: bella la foto dove si vede cadere lo zucchero.

    RispondiElimina
  19. che buone le chiacchiere! mi sa che sono l'unica blogger che ancora le deve fare, cavolo, devo rimediare al più presto! e che foto bellissime :) mi aggiungo subito ai tuoi lettori!
    baci

    RispondiElimina
  20. ..Grazie ancora, per questi confronti molto belli ed anche tanto "comfort" :))
    @Clara. davvero e col cuore GRAZIE, e complimenti a te il "lavoro su di te" che sei stata capace di fare!!

    @Robi: ora vengo a sbirciare, perché le voglio rifare, me ne frego del fritto!
    Un abbraccio, a prestissimo

    RispondiElimina
  21. buone, buona domenica e buon carnevale

    RispondiElimina
  22. Le mie belve sono una in terza e l'altra in prima elementare... e non ti dico la follia che si scatena nei week end. Specie con il piccolo che di leggere non vuole proprio sentirne parlare! Da lacrime agli occhi, ma di gioia, le tue chiacchere :)

    RispondiElimina
  23. Carissima, leggo di questa novità nella tua vita. Capisco la tua frustrazione ma sono certa che prenderai il ritmo ed alla fine ti risulterà forse più congeniale. Quando mia figlia ha cominciato le elementari ho avuto le tue stesse identiche difficoltà. Che purtroppo proseguono nonostante abbia 11 anni e un po' più di senso pratico. A questo punto della mia vita stare dalle 9 alle 19.00 in agenzia mi pesa tantissimo. Vorrei piuttosto avere maggior tempo per me, per lei e per la mia casa. E non perché sono una donna, ma semplicemente perché mi sto perdendo qualcosa di importante. Come sempre penso che la vita è adesso e non domani. Ma tra il dire ed il fare c'è di mezzo qualsiasi cosa. Ti abbraccio fortissimo, non ti buttare giù. Pat

    RispondiElimina
  24. Ciao Cinzia.. come sempre, e senza esagerare, ti capisco tanto. Non ho figli, lo sai, ma ho avuto un fratello a grande distanza e la sua dislessia ha consumato mia madre, che comunque poi ha vinto (gran figa lei, e mio fratello ora è laureato in ingegneria, ma a mio avviso è la secondo laurea di mia madre!!!).
    Sul viversi dentro e non riconoscersi fuori e viceversa, quel perdersi e naufragare un po'.. bè sono convalescente delle stesse emozioni: La convivenza mi ha messa a dura prova, tanto da farmi pensare di essere semplicemente una dispotica stronza inadatta al vivere comune, mentre il lavoro mi ha logorato il sistema nervoso al punto che mi facevo persino la doccia, di fretta, senza nemmeno sapere perchè. Adesso va meglio, non so se è passato o sta passando, comunque piano piano mi ritrovo e penso di non essere poi quell'essere ignobile e nervoso delle settimane scorse, forse lo stress può giustificarmi, in fondo e comunque non si nasce 'imparati', giusto? Comunque passa, questo è quello che conta, e ci si ritrova e ti ritroverai. Dai, donna forte, sii ''cazzutissima''!!!

    RispondiElimina
  25. cara Cinzia, nella mia precedente vita lavorativa anch'io feci un po' di part time. Che dire? Scombussola un po'... ma poi ci si riprende, soprattutto se si hanno ben presente le motivazioni (le tue molto serie e meditate) che portano ad una scelta del genere.
    Queste bugie le hai fatte col tuo piccolo aiutante, tra un compito e l'altro? ;)
    Un abbraccio sincero e a presto... speriamo per cose "amene"! Ciao

    RispondiElimina
  26. Che belle parole, Pat e Marinella e Faustidda.. come sono contenta di conoscervi personalmente :) (regali del blog, vero?)
    Un grande abbraccio a tutte!
    Letisia, anche il mio piccolo non vuol proprio saperne: tira a indovinare dopo le prime due lettere!!

    RispondiElimina
  27. Ciao Cinzia, eccomi qui, nonostante tutto ho fatto una ricettina per voi
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2013/02/con-un-filo-di-voce-ma-sono-qui.html
    Era perché non volevo perdermi. Perchè il mio full time sul lavoro richiede tempo per la mia bambina di 90 anni e me ne porta via ogni giorno un po' del mio. Anche io faccio tutto di corsa, pure la doccia, come Marinella, e quello che mi amareggia è che non sto facendo le prove, questa è l'unica vita che ho e nonostante tutto non riesco a rallentare. Solo in cucina. E anche se pubblico meno le ricette sono lì, sono state preparate, perché se rinuncio anche a questo, mi resterebbe proprio poco. Ti abbraccio Cinzia, spero che tu stia meglio, che ti trovi, io mi sto ancora cercando...

    RispondiElimina
  28. Sai che è accaduto anche a me? L'impasto era molto elastico e anche se le ho stese molto, alla fine erano un po' morbide...

    Per il lavoro credo che a volte le necessità prendano il sopravvento, però vedrai che il tempo passato con il puiccolo ripagherà ampliamente.

    RispondiElimina
  29. Cara Cinzia eccomi! penso che tu abbia fatto una scelta ragionevole. Nella tua situazione l'anno prossimo mi ci ritroverò anch'io con la mia cucciola che inizierà la scuola...
    A parte questo, ogni tanto è normale che ci siano cambiamenti e forse è vitale avere anche dei piccoli momenti di crisi dopo i quali, generalmente, ci si sente rinate e si vedono le cose da un'altra prospettiva. Trasformali ed esorcizzali mettendo le mani in pasta come sai fare tu! un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Ciao Cinzia, ma dove sei? Avrei così voglia di chiacchierare con te... ti abbraccio

    RispondiElimina
  31. non parliamo di tempo che vola, non parliamo di blog e sopraatutto di riuscire anche solo ad entrarci (nel proprio figurati negli altri) e poi quando ti prende la lentezza peggio che peggio...ma le chiacchiere sono bune, tanto buone ed io che volevo farle non ho avuto il tempo di farle per carnevale, ma sono buone anche dopo che ne dici? ti abbraccio

    RispondiElimina
  32. Ci sono, carissime si che ci sono!
    Grazie ancora, ora vedo di passare anche a fare un saluto nei vostri blog e magari guardo un po' cosa state combinando in questo periodo!

    RispondiElimina
  33. no... io dico, altro che chiacchere! Ma quante cose spettacolare mi stò perdendo?! Come posso fare, mi sento sempre in colpa di non fare neanche quei giri notturni nel blog altrui! Mi manchi e mi sei venuta in mente, pensa te... a queste ore del giorno!
    Devo darmi una mossa e non perderti di vista! Sei proprio brava, il resto sonno chiacchere!

    besos


    RispondiElimina

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig