8 febbraio 2012

48

Potage Parmentier alla rapa rossa



La stagione invernale porta sempre con sé la voglia di cibi caldi e morbidi, dalle consistenze carezzevoli. In queste giornate particolarmente fredde, rientrare in famiglia e coccolarsi con una ciotola di crema di patate è tra le cose più semplici e più desiderate. Perché ti riscaldano da Dentro e, davvero, con queste temperature, quando perfino il sistema di riscaldamento fa fatica ad arrivare al minimo dei gradi impostati, sono quello che ci vuole.
Il Potage Parmentier è una semplice crema di patate, che prende il nome da quello che potremmo definire il primo vero promotore del consumo di patate. Noto farmacista e uomo di scienza vissuto in pieno 1700, il dottor Antoine Parmentier condusse studi sulle qualità nutritive della patata, anche come cibo che potesse sostituire più nobili coltivazioni in caso di carestia. Ricordo con molto interesse questa piccola storia riportata da Sigrid in un post dedicato a questo bel piatto.
Oggi avevo ancora della rapa rossa da consumare e non mi dispiaceva dare una nota colorata a questo piatto, quasi che anche gli occhi potessero scaldarsi con questo bellissimo colore.

Potage Parmentier alla rapa rossa -la barbabietola-



3 patate medie
2 cipolle
1/2 rapa rossa (barbabietola)
burro
sale, pepe, dado vegetale

Soffriggere a fuoco debole, le cipolle tritate. Aggiungere anche le patate e la barbabietola, pelate e tagliate a pezzi grossolani. Coprire con acqua quanta ne basta per arrivare a filo e non di più. Io ho usato la pentola a pressione, 10 min. dal fischio, ma voi potete anche scegliere la cottura tradizionale, a fuoco lento.  A cottura ultimata aggiungere dado vegetale e regolare di sale, poi passare con il minipimer fino ad una consistenza liscia e vellutata. L'ho gustata con delle scagliette di parmigiano, che trovo adatto per questi ingredienti e se avessi avuto anche dei crostini al rosmarino, penso darebbe stato il top!

48 commenti:

  1. Una bella coccola per queste serate gelide, davvero elegante e chic!

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione, è così bello coccolarsi con queste creme calde.. la tua è bellissima, poi con quel colore, è rilassante.
    Buona serata,cara :*

    RispondiElimina
  3. Cara Cinzia, così tanto tempo che non passo a trovarti ma qui c'è sempre un mondo di meravigliosa grazia ed eleganza. E' così facile e veloce la tua vellutata che potrei prepararmela anche stasera, ho tutti gli ingredienti in frigo. Qui è ancora un freddo boia e la neve è ancora tutta lì. Venerdi forse di nuovo. Ti abbraccio forte, Pat

    RispondiElimina
  4. Parmentier ci aveva visto giusto!!! W le patate! Mamma mia che gola che mi fa questo potage!!

    RispondiElimina
  5. Che bella ricetta e delizioso il tuo blog
    bellissimo ciao :)

    RispondiElimina
  6. Pemesso che le zuppe mi fanno impazzire, e che le mangerei anche tutti i giorni...questa zuppa, oltre ad essere sicuramente ottima ( ma devo giocare d'immaginazione... ) ha una particolarità che adoro....IL COLORE ! E' FANTASTICA !

    RispondiElimina
  7. La versione originale la adoro e mi piacciono moltissimo anche le rape rosse.....quindi proverò questa tua versione, che tra l'altro mi sembra molto chic e romantica!!! Ciao

    RispondiElimina
  8. E avevi ragione a noi che non possiamo assaggiarlo sul momento scalda gli occhi, ogni volta che trovo i porri il potage è d'obbligo, la prossima volta lo faccio in rosso :)

    RispondiElimina
  9. Ottima scelta Cinzia!! adoro le rape, dolci, dal colore quasi sanguigno...belle!! oggi, primo giorno senza febbre...non ne potevo più...
    ciaoooooooooo

    RispondiElimina
  10. bellissima!!! scalda davvero pancia e occhi!!! ;)

    RispondiElimina
  11. Ecco!!! Questo è proprio quello che ci vuole stasera...A che ora si mangia? Delizioso e particolare questo potage...Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Ho scoperto che l'uso della rapa rossa nelle zuppe e nelle vellutate mi piace un sacco...anche questa è da provare!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. Da tenere presente quando si è corto di idee!
    Cinzia

    RispondiElimina
  14. Non sapevo del signor Parmentier, ma un qualcosa mi dice che l'ho amato da sempre! Adoro qualsiasi cosa contenga patate di tutti i tipi!

    La rapa rosa ancora non l'ho provata ma cucinare e questa zuppa è assai invitante, ovviamente colorata! Besos!

    RispondiElimina
  15. La rapa rossa mi è del tutto sconosciuta. L'avrò forse mangiata una vita fa, ma non piacendo a mio marito non la cucino mai. Mi beo delle tue ricette e di questo colore meraviglioso. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. la rapa non e solo buona ,ma anche pienissima di vitamine,la preparo in tantissimi modi,questo tuo piatto e stato aggiunto alla lista to-do:)

    RispondiElimina
  17. Sei sempre fantastica nella combinazione dei colori.
    Hai ragione, con questo freddo ci vuole proprio qualcosa che riesce a scaldarti dall'interno... anche perché dall'esterno né il piumino né il cappotto riescono a scaldare.

    RispondiElimina
  18. Hai ragione, ha un colore bellissimo! La barbabietola è sempre trascurata, almeno da me, e invece il tuo è un esempio di come poterla usare bene e con semplicità! :)

    RispondiElimina
  19. bellissimo colore, trasmette calore solo guardandola...

    RispondiElimina
  20. Fiuuuuu!! Che meraviglia di piatto, di foto e di eleganza. Passare da te è come farsi un bagno nello stile. Brava!!

    RispondiElimina
  21. Eh gia'..la sciura e' sempre un passo avanti a tutti...Splendido, come sempre...nulla di meno che splendido. Un bacione

    RispondiElimina
  22. Cinzia... ma come cavolo fai? E' tutto perfetto! Io non so mai cosa scriverti per lo stupore che mi coglie ogni singola volta che passo qui. E un po' mi sento vanificata. E' come Salieri vs Mozart (dove io non sono nè l'uno, nè l'altro, ma l'imperatore Giuseppe, che notoriamente di musica non ne capiva una cippa davvero).
    Ti ammiro.

    RispondiElimina
  23. Ma ciao Cinzia eccomi quà, sono poco presente negli ultimi tempi, il freddo mi impigrisce..ottima la tua crema e che colori... la rapa rossa a me dà sempre un colore poco piacevole, invece la tua è splendida...

    RispondiElimina
  24. Ciao Cinzia, ti seguo sempre perchè sei nel mio blogroll, volevo invitarti, se ti va, a partecipare al mio primo contest visto che sei una piena di inventiva e dalle intuizioni geniali. Grazie e a presto.
    http://ritroviamociincucina.blogspot.com/2012/02/il-1-contest-di-ritroviamoci-in-cucina.html

    RispondiElimina
  25. non ho mai provato la rapa rossa nelle zuppe e mi incuriosisce parecchio!

    RispondiElimina
  26. Colori stupendi!!
    Questo piatto stupisce i commensali, no?

    RispondiElimina
  27. Davvero per la serie: anche l'occhio vuole la sua parte. Mi tira un po' su il morale. Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. ecco qui un bellissimo piatto colorato... ma anche gustoso! Patate e barbabietola, un classico,no? Però qui rese uniche da una tua fantasiosa rivisitazione.
    Io tra qualche giorno posterò dei muffin gialli.. se mi sono venute le foto! ;))
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. ecco, ti ho appena scritto un'email, confermo che stai diventando sempre più raffinata, guarda che spettacolo con 3 ingredienti!!
    Fantastica!
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  30. Una portata che mi piacerebbe tanto assaporarmi stasera ;-)

    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  31. Che bello questo potage, cremoso ed invitante e bello colorato! hai fatto bene ad usare la rapa rossa, il suo sapore è fantastico! bacioni!

    RispondiElimina
  32. Mi piace, che bel colore e che bella consistenza, mi piace la crema di patate, la barbbietola che hai aggiunto era di quelle che trovi già cotte? oppure cruda? Grazie!
    Baci

    RispondiElimina
  33. Anch'io ho pensato la stessa cosa di Ely, anche se non lo posso assaggiare alla semplice vista sembra avere una bellissima consistenza!

    RispondiElimina
  34. @Ely, La Ucci: io avevo la barbabietola che si trova già cotta al forno, a dire il vero la versione cruda non l'ho mai nemmeno vista. Ma nonostante fosse quella cotta, l'ho comunque messa in pentola con le patate, così che il colore si fondesse bene con il resto e per averla morbida, da frullare liscia. :)
    un bacione per tutti, GRAZIE!

    RispondiElimina
  35. che bel colore!
    io il sig. parmentier lo adoro!
    buon we

    RispondiElimina
  36. Che meraviglia! Bellissima ricetta!

    RispondiElimina
  37. Ricetta veramente appetitosa, raffinata e elegante, complimenti :-)
    Buon week end

    RispondiElimina
  38. mmhhh ecco un'altro confort food per queste giornate...deliziosa...

    RispondiElimina
  39. che meraviglia, ricetta davvero deliziosa! complimenti :) un bacio!

    RispondiElimina
  40. deliziosa e del colore molto chic! buon we cara Cinzia...

    RispondiElimina
  41. Cinzia, ti ho lasciato un premio sul mio blog se ti va passa a ritirarlo!!! baci Claudia

    RispondiElimina
  42. Ho letto le tue ultime ricette "invernali" :molto invitanti.

    RispondiElimina
  43. Ciao Cinzia ! che elegante questo tuo potage, delizioso e prezioso con questo freddo !! un abbraccione !!!

    RispondiElimina