22 febbraio 2012

37

Le " frìtoe"

Il mercoledì delle ceneri... di già?! Oggi è il primo giorno di Quaresima, il primo giorno di magro dopo il grasso Carnevale.
Ma noi lombardi, vicini a volte alle tradizioni milanesi, prendiamo volentieri la scusa del carnevale Ambrosiano, che si conclude il sabato di questa settimana ed approfittiamo ancora qualche giorno per gozzovigliare con frittelle, chiacchiere, frìtole... insomma ancora un po' di festa!

C'è tempo fino a domenica prima di dare spazio alla Quaresima, periodo che da noi per qualcuno ancora significa "impegnarsi" ad un piccolo sacrificio della gola, qualcosa cui normalmente è difficile dire di no; ma diventa importante ritrovare dentro di sé un angolo di disciplina, di rigore e di sfida con sé stessi per rispettare una piccola promessa.
Non è cosa da tutti e per chi deciderà di "fare la quaresima" evitando ogni tipo di dolce, un inchino di grande rispetto. Io ancora non so, da tempo non faccio più un "fioretto" per la mia Quaresima, ma chi può dirlo... ho ancora qualche giorno e intanto mi godo questi dolcissimi saltimbocca. Poi ci penserò :)

La ricetta me l'ha passata mia cognata, originaria di Bassano del Grappa, io l'ho solo riproporzionata nelle quantità, ma non è lontana nei suoi gusti da quella che faceva la mia mamma quando ero piccola. L'unica grande differenza è che la mamma andava a cucchiaiate... ed era infallibile. Oggi però non aveva voglia di rimettersi lì con me a fare i tentativi del caso e allora ecco prontamente la cognata in soccorso.
Questa ricetta potrete trovarla anche su Open Kitchen Magazine di Febbraio

Saltimbocca.. o anche "frìtoe"


dosi per circa 40 saltimbocca
200 gr. farina circa
50 gr. zucchero
3 uova piccole
30 gr. burro
200 ml. latte
2 cucchiai grappa
1 punta di cucchiaino di lievito

Scaldare leggermente il latte con il burro, il sale e lo zucchero. Quando tutto è sciolto, versare la farina in un colpo solo e rimestare velocemente per legare bene il tutto. Lasciar raffreddare, quindi aggiungere le uova, una per volta, e non aggiungere la successiva senza prima aver incorporato bene la precedente.
Aggiungere quindi la grappa ed il lievito. La consistenza della pasta dovrebbe essere molto simile a quella della polenta, piuttosto soda e che possa essere lavorata con i cucchiaini senza gocciolare. Se serve, dunque, aggiungere ancora poca farina, per arrivare a questa consistenza. Lasciare riposare un'oretta.
Scaldare bene l'olio in un recipiente piuttosto stretto ed alto e iniziare la cottura: aiutandovi con due cucchiaini, formare delle palline grandi come un piccolo pomodoro ciliegino, non di più, poiché in cottura lievitano. Lasciar cadere le palline nell'olio e ritirarle quando avranno un bel colore marrone intenso. Porle su fogli di carta assorbente per qualche minuto e poi rotolarle nello zucchero fine. Gustare ancora caldissime.
Piacendo, all'impasto possono essere aggiunti una manciata di uvetta, lasciata ammollare in acqua per mezzora prima dell'uso.

Nota: è importante la dimensione, appunto simile al pomodoro ciliegino, che permette una perfetta cottura anche nel cuore del bocconcino.

37 commenti:

  1. e come non possono piacermi "e fritoe"!! qua a Padova vanno via come il pane!!bellissima la foto!!^_^ baci!!!!

    RispondiElimina
  2. Che belle che sono presentate così! Io di quaresima in genere rinuncio a quello che più mi piace ma quest'anno farò un'eccezione visto che già non riesco a mangiare granchè!

    RispondiElimina
  3. mmmm golose golose! beati noi lumbardddd :)

    RispondiElimina
  4. Mi viene da sospirare a guardare le tue fritoe ! Dovevo approfittare del carnevale per scatenarmi un po', invece ho assaggiato solo due galle... Dolcetti buonissimi cara Cinzia e non mi stancherò di farti i complimenti per le foto.... !!! Buona serata !

    RispondiElimina
  5. Gozzoviglio ancora un pò...che per le rinuncie c'è sempre tempo ;-)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. il termine gozzovilgliare rende perfettamente l'idea :) io per adesso ho smesso di friggere, ma me le segno per futura memoria...visto mai che mi venga voglia ;)

    RispondiElimina
  7. fotos espectaculares es una idea fantástica para los fritos sabrosos me encanmtan,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia, queste sembramno proprio le fritoe di mia mamma (di padova). Lei però ci mette anch l'uvetta, davvero buone :)

    RispondiElimina
  9. Ma che delizia ! Uffa, sono a dieta mi mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  10. Io mi sacrificherei ancora per qualche giorno... come si può rinunciare tanta delizia? Un abbraccio Cinzia ;-)

    RispondiElimina
  11. Con buona pace della Quaresima...;-)

    RispondiElimina
  12. passa a curiosare da me, ti ho citata fra i miei preferiti...

    RispondiElimina
  13. che figura ci farei a dire che ne mangerei a dozzine?E' un fritto irresistibile....

    RispondiElimina
  14. Cara Cinzia, la mia mamma invece sabato scorso ha ceduto alla mie preghiere e abbiamo fritto chiacchere per tutto il quartiere!!! Le tue devono essere da leccarsi le dita :-)

    RispondiElimina
  15. oltre alla perfetta cottura le dimensioni "a pomodorino" permettono di mangiarne diversi, senza sentirsi troppo in colpa e facilitando la perdita del conto.. ehehehe! Fantastici cara Cinzia, il contenuto di quel bel cartoccino me lo mangerei tutto, ora!!

    RispondiElimina
  16. Le dimensioni che hai definito sono ideali per la cottura ma anche per l'assaggio o meglio per l'abbuffata! bacioni

    RispondiElimina
  17. Che furbetti, voi lombardi! allungarsi il carnevale è un'idea niente male, visto che io quest'anno non l'ho nemmeno sentito da lontano...vale anche in Liguria il carnevale Ambrosiano? così magari farò questi dolcetti, davvero invitanti. ciao!

    RispondiElimina
  18. Io non le ho mangiate quest'anno...(il tempo mi è proprio volato) e ora vedendo le tue ho l'acquolina in bocca! Ora che ho la ricetta devo recuperare!

    RispondiElimina
  19. è incredibile quanti nomi diversi abbiano queste frittelle, ogni giorno se ne scopre uno nuovo! :)

    RispondiElimina
  20. Anche da noi si chiamano "fritoe"...anche se il Carnevale è finito...le mangerei volentieri lo stesso!
    Cinzia

    RispondiElimina
  21. No, no, no! Ma alla mia dieta non ci pensa nessuno??? L'altro giorno ho pubblicato i tuoi sformatini, non sono belli come i tuoi ma erano squisiti, bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  22. Si mangiano con gli occhi! Che meraviglia!
    Cinzia, sei insuperabile. Stavo sbirciando nel tuo blog stamane...hai mica mai fatto qualche ricetta con l'oro alimentare? Lo so, è una domanda strana...ma sto organizzando un matrimonio e pensavo che come decorazione l'oro è perfetto. Cosa ne pensi? So che a Firenze c'è un produttore conosciuto a livello mondiale...mi pare si chiami Battiloro. Ne hai mai sentito parlare? Non so dove comprare il prodotto... ora vado a vedere il sito.
    Grazie in anticipo! Ciao!
    Roberta

    RispondiElimina
  23. Mica scemi voi lombardi :) :) Come resistere a queste fritoe, sono una vera meraviglia!Sai che non ho mangiato neanche una frittella qst anno?Bhe, nella mia cucina può essere sempre Carnevale, quindi le proverò!Baci

    RispondiElimina
  24. Splendide e poi salti in bocca questi saltano in bocca di sicuro da tanto sono buoni!!!!! Ti sei fatta corrompere dal mio Sant'Ambrogio vero? Baciiii

    RispondiElimina
  25. Hanno un 'aspetto meraviglioso,aspetterò metà Quaresima per provarle, da noi si usa così e nel frattempo ..dieta!!!!!!!!!!Buona serata!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. @Grazie carissimi del vostro passaggio, un dolcino per ciascuno ;)

    @Enrica, non l'ho ancora visto il tortino.. scusami ma ultimamente sto facendo straordinari per il contest e gli amici "mi sfuggono", ma ora arrivo!!!

    @Roberta, come anonimo non ti riconosco (il senso del gusto..sei tu?) oppure sei la signora con la valigia ;)? Io ho usato l'argento, ed ho una ricetta con l'oro e pure il produttore, mi pare proprio Battiloro sai? Stasera potrò dare un'occhiata meglio e saperti dire

    RispondiElimina
  27. Che meraviglia, sei proprio brava, il prossimo anno le voglio provare :-)

    RispondiElimina
  28. Il bello del rito ambrosiano è che festeggiamo carnevale fino a SABATO! Ho ancora qualche giorno per provarle!!! Yuppi.

    RispondiElimina
  29. ciao Cinzia, io non amo tanto il fritto... farlo! Mangiarlo, invece, sì! Per questo passo e ti rubo un fritoìn (forse dovrebbe essere femminile; una fritoìna, allora), magari anche più d'una, se ancora ce n'è. Inarrivabili le mamme che andavano a cucchiaiate; oggi, senza bilancia, non sappiamo (parlo per me, vah) IO NON SO più fare nulla.
    Un bacione e grazie per i compli.
    Ci sentiamo presto ;))

    RispondiElimina
  30. anche la mia zia ci mette la grappa, buoneeee!
    un bacino

    RispondiElimina
  31. Ma che buone,le assaggerei volentieri, complimenti!E' stato un piacere passare da te, mi unisco ai tuoi lettori così potrò seguirti! Se ti va passa da me!A presto...Molly

    RispondiElimina
  32. Belle e golose queste palline fritte che non lo mangiate mai ma c'è sempre tempo da imparare e assaggiare qualche nuova delizia italiana! Ciao e buon weekend!

    RispondiElimina