Risotto all'indivia, pere, pecorino e... primule!


Avete mai mangiato le primule, da bambini? Io tante!
L'altra domenica siamo andati a fare un giro nei boschi che circondano casa nostra. Era una bella giornata di sole, ma l'ambiente era ancora secco e freddo, però qualche primula qua e là si affacciava, pronta ad aprire le porte alla primavera in arrivo. I miei bambini non le conoscevano ancora bene, soprattutto sono rimasti estasiati nel sentire che, soffiando nel fiorellino dalla parte del calice, in maniera lieve ma con buon fiato, le primule suonano! E ci siamo divertiti a "soffiarne" qualcuna, che dopo aver fatto la sua breve esibizione, è stata allegramente mangiata.
Le primule hanno un gusto dolce ma senza aromi particolari ed il loro compito oggi è di abbellire ed ingentilire questo piatto, portando quell'aria di primavera che solo loro sanno dare, con il loro tenue giallo e con le foglie di un verde unico, il verde dell'erba nuova che si fa spazio tra i prati ancora in letargo.
Oggi, in pausa pranzo ho preparato questa ricetta, che avevo già testato un paio di sere fa. Lo spunto per accostare gli ingredienti viene dalla proposta del mese della Piccola Bottega di Campagna, di Ambra e Malvarosa edizioni, ma non vorrei proporre questa ricetta a loro, perché anche l'altro mese ho mandato un risotto, però vi assicuro che se amate i gusti insoliti, questo riso fa per voi.. un po' amaro per l'indivia, un po' dolce per la pera, un po' piccante per il pecorino toscano che lo manteca. E, perché no... qualche primula, fresca di primavera! Complessivamente, una ricetta assolutamente all'altezza di essere non solo proposta, ma anche "spinta e consigliata".

E... avete visto che ho trovato il coppapasta? Ma non è merito mio, piuttosto di mia cognata che, sapendo delle mie vane ricerche, mossa da compassione ha esaudito il mio desiderio :)

Risotto all'indivia, pere, pecorino e... primule



dosi per due
160 gr. riso vialone nano o carnaroli
1/4 porro, la parte bianca e tenera
1 piccolo cespo indivia
1 pera piccola piuttosto soda
20 gr. pecorino a pasta dura
1/2 bicchiere di vino bianco secco
brodo vegetale, q.b.
sale, pepe, olio extrav.

Il procedimento è il classico per il risotto: tritare finemente il porro, l'indivia e mezza pera, scaldare poco olio in una pentola bassa e larga, a fuoco leggero far andare due o tre minuti le verdure e la pera, poi aggiungere il riso, tostare leggermente un minuto o due. Sfumare con il vino bianco, che dev'essere di ottima qualità poiché il suo gusto in questo piatto si sente bene. Quindi procedere alla cottura aggiungendo viavia il brodo, per circa 12-13 minuti complessivi. A tre o quattro minuti dalla fine cottura, aggiungere l'altra metà della pera, tagliata a dadini fini. Tenere la cottura un po' al dente e mantecare con il pecorino grattugiato, quindi lasciare riposare un paio di mnuti prima di servire. Controllate il sale e regolatevi con il brodo, perché questo risotto è ottimo se un po' cremoso. Nel completare il piatto, aggiungere un giro di pepe e qualche scaglia di pecorino e...



...se avrete la voglia raccogliere di qualche primulina fresca e dolce, decorate il piatto con allegria!

56 commenti

  1. Risotto stupendo e foto magnifiche!
    Bravissima come sempre ^_^
    Baci

    RispondiElimina
  2. Ok, mai mangiato primule da bambina: a 9 mesi i miei fratelli mi davano cioccolata e la padrona di casa, madame P.(abitavamo a Bruxelles), mi dava formaggi erborinati tanto puzzolenti da doverli tenere fuori dalla finestra... infanzia difficile. In ogni caso questo riso fa decisamente, assolutamente, per me!

    RispondiElimina
  3. Originale questa ricetta! La proverò..con tutte le primule che ho in giardino!!! :-)

    RispondiElimina
  4. Mia cara Cinzia, le primule non le ho mai mangiare, ma inutile dirrti che tutti gli altri ingredienti che compongono questo risotto mi piacciono davvero tanto..buona serata !

    RispondiElimina
  5. Cappero cara...una delizia dopo l'altra! Non riesco più a strati dietro ;-)

    RispondiElimina
  6. bellissimi abbinamenti :) e bellissima composizione!! brava cinzietta :)

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia!!! Da buona frequentatrice di boschi e montagne anche io amo utilizzare i fiorellini per cucinare...ho giusto una ricetta in programma per la prossima settimana!! Mi piace molto questo risotto, tra l'altro egregiamente presentato(come al solito!)PS Ricordati di pubblicare il link nei commenti! Smack!

    RispondiElimina
  8. Ma sai che non le ho mai mangiate? se sono dolci dovrebbero piacermi...sicuramente con il tuo risotto non avrei dubbi! e complimenti coppapasta da professionista! un bacio

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia questo risotto. La presentazione mi fa proprio immaginare e sentire la primavera.

    RispondiElimina
  10. Delicato e raffinato! Brava come sempre!
    Grazie del consiglio, spero di risolvere, non posso più caricare nemmeno i banner per partecipare ai contest!

    RispondiElimina
  11. Ciao, ti invito al mio giveaway in regalo ci sono due bottiglie di vino e 3 vasi di confettura di BACCO NON LO SA, da nn lasciarsi assolutamente sfuggire, troppo buoni!
    Cioa e a presto^_^
    http://lacreativitadianna.blogspot.com/2012/03/5-giveaway-vinci-i-deliziosi-prodotti.html

    RispondiElimina
  12. Stupendo!!!! per un menù raffinato e primaverile.
    Buona domenica, Vale

    RispondiElimina
  13. le primule non le ho mai mangiate, bellissima però l'idea del risotto, molo invitante.. buona domenica

    RispondiElimina
  14. sei geniale. mai mangiate le primule, ma le raccoglievo sempre!
    un piatto bellissimo mia cara!

    Buona domenica :**

    RispondiElimina
  15. un piatto dal sapore (e dall'aspetto) primaverile e very very chic!!! ;)

    RispondiElimina
  16. No, non ho mai assaggiato le primule ma hanno l'aria di essere delicatissime. Come questo risotto tutto da scoprire, le tue sperimentazioni sono sempre un successo.
    A presto!

    RispondiElimina
  17. mai mangiate nè suonate...ma sono bellissime accanto a questo risotto!

    RispondiElimina
  18. Proprio sulla stessa lunghezza d'onda. Mi sa che è piaciuto un sacco anche a te.
    Buona domenica
    Kika

    RispondiElimina
  19. "as always" ricetta originale e foto fantastiche

    RispondiElimina
  20. Deve essere buonissimo, io adoro l'indivia :)
    Complimenti anche per la presentazione.. il riso in forma ha davvero un fascino tutto suo! bravissimaaaa :)
    a presto

    RispondiElimina
  21. Nooo?!?!?? Oltre alla frutta ora anche i fiori nel piatto?!?! Bè qui c'è proprio aria di primavera! Un piatto che sarà certamente profumato, oltre che davvero bello da presentare...e ovviamente da gustare!
    bacioni

    RispondiElimina
  22. Cinzia sono incantata da questo tuo piatto! Complimenti! :)
    PS: Non credo che riuscirò a trovare le primule :(!

    RispondiElimina
  23. Le primule fanno davvero la differenza ^_^ elegantissima presentazione :)
    Tiziana

    RispondiElimina
  24. E ora che hai il coppapasta chi ti ferma più?

    RispondiElimina
  25. Ma davvero suonano e si mangiano?!? Se non avessi letto questo post sarei rimasta super ignorante in materia!! Questo piatto è davvero superbo, uno dei più belli mai visti!! Complimentissimi!!

    RispondiElimina
  26. Ehhh adesso una passeggiata nel bosco per assaggiare qualche primula non me la toglie nessuno!!! Sono troppo curiosa! Questo risotto è sempicemente meraviglioso e mi hai convinta a provarlo!!! A presto :-)

    RispondiElimina
  27. E perchè non copiarlo? lo trovo davvero interessante nel gusto per gli ingrediendi ben calibrati. Ciao...oopppsss al mio mancano le foglie d'oro!!! :-)

    RispondiElimina
  28. Ne ho suonate tante di primule ma mai mangiate anche se ne ricordo ancora il buon sapore dolciasto :-) Sono certa che il risotto è una bontà!

    RispondiElimina
  29. Ma che delizioso risotto, complimenti anche per la presenazione!Ciao

    RispondiElimina
  30. "al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere..."

    RispondiElimina
  31. un risotto raffinato dal colore delicato....le primule sono buonissime. baci

    RispondiElimina
  32. un risotto raffinato dal colore delicato....le primule sono buonissime. baci

    RispondiElimina
  33. Mi piacciono talmente tanto i fiori che mi dispiace coglierli, figuriamoci mangiarli... però questo risotto deve essere una poesia!!!

    RispondiElimina
  34. tesoro che spettacolo, come sempre comunque venire qua + un piacere anche se sono stata assente (problemi a casa con i pupi e passaggio a wordpress) non mi sono certo fatta mancare i post arretrati questo risotto è da provare bravissima a proposito ho appena pubblicato la ricetta che partecipa al vostro contest tutto verde baci

    RispondiElimina
  35. Le primule che suonano...che bello, cinzia, lo farò provar a Gabriele...-)
    Anche noi abbiamo voglia di primavera, di luce, serenità...e di un bel risotto con primule (l'indivia, abbi pazienza, te la lascio tutto, faccio doppia dose di primule!.-)

    RispondiElimina
  36. che bella presentazione!
    il risotto davvero saporito :P

    RispondiElimina
  37. Primule!? Non lo sapevo che erano commestibili! Accidenti che bella scoperta! QUesto risotto è una meraviglia...e immagino sia pure delizioso di sapore!

    RispondiElimina
  38. Cara stavolta ci sono anch'io (anche se sul filo di lana) per il contest di marzo. Ti lascio il link:

    http://diariodicucina.blogspot.it/2012/03/zucchine-ripiene-con-agretti-e-granella.html

    Buona giornata

    RispondiElimina
  39. Sono incantata dalla delicatezza di questo risotto, sembra avvolto da un'aria eterea. Ma lo sarebbe stato anche senza coppapasta...assicurato e garantito :) Sei magica. Un bacione, buona giornata

    P.S. mai mangiate le primule e non sapevo nemmeno fossero commestibili! Quanto ho da imparare...

    RispondiElimina
  40. @ragazzi... quanti bellissimi commenti ed apprezzamenti! Spero che le fresche primule vi abbiano incoraggiato al desiderio di qualche passeggiata all'aria ormai pienamente primaverile e, per chi ancora non lo avesse fatto, provare a soffiarne e mangiarne qualcuna.
    Per pura curiosità, ho provato con quelle dei vasetti del fiorista... SUONANO anche loro! :-) baci!

    RispondiElimina
  41. Ciao Cinzia carissima, mi intriga moltissimo il risotto con le primuline, se mi capiterà di girare per prati le assaggerò anch'io e me le porterò a casa. Intanto ho preparato un piattino verde che mi soddisfa come colore resa e foto
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2012/03/sformatino-verde-marmorizzato.html
    Dimmi cosa ne pensi. Prima della scadenza vi mando anche un'altra cosa. Ricordati di pianificare una domenica a Genova, baciotti

    RispondiElimina
  42. Questa ricetta mi stuzzica tantissimo sia per i suoi colori primaverili che per il sapore! Proverò!!!

    RispondiElimina
  43. Oh mamma che risotto....strepiterrimoooooo!!!!!
    E con le primule....e' fighissimo!!!! :-)
    Grande Cinzia!

    Un bacione
    Paola

    RispondiElimina
  44. Che meraviglia Cinzia eh si che le mangiavo e le mangio tutt'ora se le trovo non inquinate e ci soffiavo dentro come te!!!!!! Bellissima l'idea di metterle nel risotto! Io le usavo nelle insalate! Un bacione

    RispondiElimina
  45. Mai magiato le primule, ma quest'anno voglio procurmele e proverò il tuo risotto che mi ispira per la complessità e l'armomnia dei suoi sapori :D

    RispondiElimina
  46. che splendido risotto!! quell'insalata non l'ho mai messa nel riso, ottima idea!

    RispondiElimina
  47. Un incanto. Posso dire solo questo. Mi piace da impazzire e le foto sono stupende, davvero. Un abbraccio carissima. Pat

    RispondiElimina
  48. elegantissimo questo risotto! no, mai mangiato le primule ma ci provo subito, le ha in giardino la suocera :-))

    RispondiElimina
  49. Ciao Cinzia ... qualche giorno fa ho pubblicato una ricetta con le violette ... Condivido pienamente la scelta ... stupendi gli scatti :) a presto, Carolina

    RispondiElimina
  50. Cinzia, che meraviglia, stupore per gli occhi e certamente anche per la bocca. Ma lo sai che non avevo idea che le primule suonassero? Eppure non ne sono mai mancate nella mia vita, ma come non sapevo che suonassero, non sapevo che fossero edibili! Appena salgo per Pasqua (dai che manca poco dai che manca poco) in Valle vado in giardino a farmene una scorpacciata! Un abbraccio grande, sei sempre un'ispirazione incredibile! Felicissima Domenica a voi

    RispondiElimina
  51. Ma che INVIDIA l'INDIVIA!!!! ahahaahh sei super davvero!

    RispondiElimina

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig