Shrikhand Kulfi... Un dessert un po' orientale

Lo avevo fatto a luglio, quando faceva già abbastanza caldo. Si tratta di una procedura che avevo  trovata descritta nel fantasmagorico blog Pure per un bel dessert e poi più avanti anche la mia cara Marinella ha proposto la stessa cosa declinata sul salato, per un bel formaggio spalmabile.
Mi sono incuriosita ed ho indagato un po': si tratta di una procedura molto in uso nei paesi medio orientali per far drenare dallo yogurt greco, il siero che contiene. Si chiama Labneh e per questa "manovra" si deve procurare un cestino del genere che troviamo in commercio con dentro la ricottina fresca confezionata: ha le fessure sottili quanto basta per non far scappare lo yogurt ma solamente la parte liquida ancora presente. La parte liquida che viene liberata è solitamente un 15% del peso totale.
Poi ho fatto le mie varianti, devo dire con moltissima soddisfazione degli amici, che per la prova hanno potuto beneficiare di un assaggino come quello della foto, davvero poco. I bambini chiedevano il bis, ma trattandosi di un esperimento tutto mio, non ho voluto abbondare con le dosi nel timore che venisse una cosa indegna e da buttare. Però è così buono, fresco e naturale ed è talmente semplice da fare che l'ho rifatto. E rifatto. Sempre con grandissime soddisfazioni.
Per l'accostamento dei gusti ho preso spunto dalle ricette trovate per il kulfi, un dessert anch'esso di derivazione medio orientale a base di latte, che mi ha ispirato per la presenza del latte condensato.

shrikhand - kulfi



dosi per 8 tazzine

400 gr. yogurt greco
120 gr. latte condensato
1 bustina di zafferano
2 stelle di anice stellato
1 tazzina di latte

volendo decorare:
qualche pistillo di zafferano
oppure qualche pistacchio tritato
gocce di caramello

Procurare un  bel cestino di plastica di quelli in cui viene venduta la ricotta fresca, trasferirvi lo yogurt e metterlo a scolare in una ciotola, o un vaso leggermente più grande, in maniera che il siero possa colare attraverso le fessure.


Lasciare riposare in frigorifero alcune ore, meglio una notte. Trascorso questo tempo la crema che rimane nel cestino avrà un peso di circa 330 gr.
Nel frattempo, schiacciare le stelle di anice e metterle nel latte, lasciandole in infusione.
Dopo una notte, filtrare il latte dai semi, intiepidirlo pochi secondi al microonde e sciogliervi lo zafferano. Trasferire la crema di yogurt in una ciotola capiente, amalgamarvi il latte condensato ed il latte aromatizzato. Mescolare bene con un cucchiaio fino ad avere una crema molto densa e soda, che andrà distribuita in tazzine, ma anche piccole ciotoline andranno bene. Nel caso di volerle presentare come in foto, mettere le tazzine un paio d'ore in freezer e poi sformarlo: per semplificare l'operazione, passare lo stampo per un attimo in acqua calda e con un piccolo coltellino a lama piatta, staccare il dolce dallo stampo.
Decorare con granella di pistacchi e, piacendo, qualche goccia di caramello.

Questa ricetta è stata pubblicata su Open Kitchen Magazine di Agosto.

40 commenti

  1. Carissima Cinzia.. foto e colori meravigliosi. E che dire dei sapori che hai abbinato? Ah, resto ammirata. :) Post veramente interessante: sei bravissima davvero! Un bacione gigante.

    RispondiElimina
  2. Stupefacente preparazione e foto... e sono andata a vedere il blog Pure... stupendo!
    P.s. Parteciperò anche al contest con il viola, è il mio colore preferito!

    RispondiElimina
  3. Wow, che preparazioni interessanti, sia il drenaggio dello yogurt che il latte all'anice. Deve essere proprio fantistico questo dessert, amo anche il latte condensato! Brava, come al solito! Abbracci, Giulia

    RispondiElimina
  4. Adoro il labneh, qui dalle mie parti si compra tranquillamente in tutti i super...ed adoro il kulfi.
    La tua presentazione e' stupenda :-)

    RispondiElimina
  5. Hai stuzzicato non poco la mia curiosità..e mi hai tentata mia cara..questo devo proprio provarlo. Mi da l'idea di essere cremosissimo..
    Bellissima la presentazione :)
    Bacio e buona giornata ! :)

    RispondiElimina
  6. Un dessert che incuriosisce molto, ha un aspetto buonissimo. Bravissima.

    RispondiElimina
  7. Ho rispolverato la yogurtiera e sto "yogurtando" a gogò in questo periodo. Ecco una bella idea per usarne un po' :) Mi sembra proprio goloso questo dessert profumato. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  8. una bella ricetta, di quelle fresche, leggere, ma anche golose. brava cinzia! bacino, sere

    RispondiElimina
  9. Non lo conoscevo, ma visto che il labneh mi piace un sacco, lo voglio proprio provare, chissà che buono! Bacioni!

    RispondiElimina
  10. esperimento riuscitissimo, senza dubbio!! lo dico sempre io che i mesi estivi portano un sacco di novità ;)
    un bacione,Vale

    RispondiElimina
  11. Una combinazione sublime di incredienti preziosi ... Che capolavoro ! Complimenti Cinzia :) ci stupisci sempre con le tue creazioni e immagini curatissime.
    E poi non so, questo post mi riporta in vacanza .. Sarà per lo yogurt sarà per il colore ?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Curiosissimo questo dessert in stile medio-orientale, e anche il procedimento è davvero curioso, non lo conoscevo. Adesso devo procurarmi il cestello per seguire il procedimento senza sbagliare una virgola ;-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  13. Ciao Cinzia, immagino il sapore e volo con il pensiero in terre lontane. Devo provarlo anch'io. Ne approfitto per scriverti che da me c'è una sorpresa che ti aspetta :)

    RispondiElimina
  14. Un colino simile lo dovrei avere, tipo colino cinese? non amo l'anice stellato per il resto mi intriga moltissimo, provo e cambio l'ingrediente intruso... eheheh!!! vediamo cosa viene...

    RispondiElimina
  15. Interessante e intrigante questo dolce. Sicuramente da provare quando si hanno ospiti. Mi piace molto. E complimenti per la pubblicazione della ricetta.
    Un abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  16. Che bel blog, e che meraviglioso dessert!!

    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  17. ciao Cinzia!!!!
    questa ricetta è perfetta per le mie cene "entiche" con le amiche :-)

    RispondiElimina
  18. Ma che meraviglia Cinzia! Sei sempre una fonte inesauribile di consigli e cose stuzzicanti!
    Ho giusto un cestino di ricotta a casa, adesso so cosa provare a farci!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Complimenti Cinzia: un post da incorniciare! Io e Sonia quest'estate in Turchia abbiamo assaggiato dei dolci simili, sempre rigorosamente completati con granella di pistyacchi o cannella...Direi che questa ricetta la provo al volissimo, baci
    simo

    RispondiElimina
  20. Grazie per la citazione :) In realtà la mia versione è molto più banale della tua e serve a creare il 'fromage blanc' così diffuso in Francia per via di varie diete e introvabile (o quasi in Italia). Vero è, che nella sua semplicità, dà sempre soddisfazione. Chissà quindi la tua versione 'dolce' cosa non deve essere! Me ne avevi parlato alla cena di luglio, infatti!
    Ti abbraccio - a tra pochi minuti. Mari

    RispondiElimina
  21. un nome stravagante per un dolce tutto da provare!
    Complimenti!
    Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  22. una preparazione semplice ma di sicuro gusto ed effetto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. Cara Cinzia,questo dessert,è da provare.Trovo che le foto e l'aspetto siano davvero invitanti.

    RispondiElimina
  24. Ciao Cinzia! Dessert delizioso, elegante e da provare assolutamente! Complimenti, bravissima come sempre! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  25. Ragazze, che bello trovarvi qui tutte, intorno ad un piccolissimo assaggino che spero proprio vorrete provare a fare: davvero ne vale la pena :)
    Un nome complicatissimo per un dessert semplicissimo!!

    RispondiElimina
  26. Davvero deliziosoooo . mi piace..ottima presentazione

    RispondiElimina
  27. Davvero un delizioso Blog.. Spero non ti dispiaccia se l'ho condiviso su Facebook :-)

    RispondiElimina
  28. che splendida presentazione Cinzia, tu ci vizi sempre!

    RispondiElimina
  29. Questo dolce mi incuriosisce molto, da provare assolutamente!!!! Buona serata

    RispondiElimina
  30. Che carino e sicuramente delizioso! Annoto...e chissà quando riuscirò a farlo,visto che settembre è ripartito e pure io insieme al lavoro...a quest'ora ho già un sonno...
    E devo andarmi a vedere anche Open kitchen magazine....ho capito : come sempre resterò indietro su tutto...
    Buonanotte cara Cinzia...

    RispondiElimina
  31. Ciao Cinzia...si inizia con il viola , eh?
    Anche se solo per il piatto ;)
    Ricetta bellissima, anche io ho provato a fare il kulfi, ma il procedimento era un pò diverso, comunque vedo che l'estate ha ispirato alle stesse sperimentazioni!

    Proprio oggi ho preparato una ricetta viola!!! E' stato un vero piacere...come sempre!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  32. meraviglioso: un dolce al cucchiaio con lo zafferano proprio non lo immaginavo, bello anche far scolare lo jogurt greco: mi piace la consistenza che prende, io ci ho fatto il labne: delizioso.
    complimenti davvero bella questa ricetta ^_^

    RispondiElimina
  33. Favoloso, con quel tocco speziato! Da provare assolutamente!

    RispondiElimina
  34. Mi fa venire voglia di provarlo subito, davvero invitante!
    bravissima come sempre!
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  35. mica male sto kulfi! è da un po' che lo vedo girare e sarebbe anche un ottima alternativa anche per le cheesecake...grazie! :)

    RispondiElimina
  36. che meraviglia... se smette di piovere corro al supermercato e lo provo!

    RispondiElimina
  37. Un dolcetto delizioso, adoro il labne........e grazie per la tua visita, da oggi ti seguo con piacere!!!!

    RispondiElimina
  38. Labne, kulfi...ma sai che ora devo studiare...mi hai dato degli ottimi spunti, il tuo assaggino è davvero elegante e se poi dici pure che è buono...mi fido!
    Lo proverò di sicuro....

    RispondiElimina
  39. Ciao,

    Vogliamo presentarLe il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 62000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano specializzati in ricette di cucina. Inoltre abbiamo creato il Top blogs di ricette, dove può trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti, e dove Lei può anche aggiungere il Suo: http://www.ricercadiricette.it/top-blogs-di-ricette. Noi indicizziamo le sue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non deve preoccuparsi di nient’altro poiché tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Brasile, Spagna, Francia, Germania, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuole diventare un membro di questa grande famiglia?

    Ci può trovare anche su Facebook!

    Siamo a Sua disposizione!
    Andreu
    info@ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  40. Una tecnica davvero interessante e il risultato sembra così buono, mmmhhh! Sicuramente da provare :)

    RispondiElimina

© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig